Instagram Streaming
info@natwo.it +39.3471856724

NOME SCIENTIFICO: Bellis perennis L.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, rizomatosa, a crescita lenta, con fusti semplici generalmente afilli e pubescenti; altezza 5÷15 cm.
Le foglie tutte inserite sul rizoma, formano una rosetta basale, sono spatolate con massima larghezza verso l’apice

I fiori periferici sono ligulati, bianchi, spesso sfumati di rosa carico o addiritTura rosso purpureo esternamente; il disco comprende fiori ermafroditi, tubulosi, di colore giallo. I fiori periferici si inclinano e chiudono durante la notte e con il tempo nuvoloso e si riaprono la mattina e quando riappare il sole.
I frutti sono piccoli acheni di forma ovale, senza pappo.

BellisPerennis

Antesi: Questa specie raggiunge la massima fioritura in primavera, ma fiorisce tutto l’anno da gennaio a dicembre, con una breve pausa estiva.

Distribuzione in Italia: Presente in tutto il territorio, isole comprese.

Habitat: Molto comune, la si trova nei prati, negli incolti e in genere nei luoghi calpestati. La disposizione della rosetta, appressata al suolo, evita che sia brucata dal bestiame e che sia falciata, questo permette il propagarsi della Pratolina in fitte ed estese colonie, impedendo lo svilupparsi dell’altra vegetazione erbacea. 0 ÷2.000 m s.l.m.

Etimologia: Il nome del genere deriva dal latino “béllus” = bello, ad indicare una pianta graziosa

Proprietà ed utilizzi

Costituenti principali: saponina, olio essenziale e grasso, tannini, sostanze amare, inulina, mucillagini e cera.

Antico è l’uso della pratolina nella medicina tradizionale, un unguento era utilizzato già ai tempi delle crociate come rimedio per i traumi e le ecchimosi.
Ritenuta un buon disintossicante, è pianta vulneraria, emolliente, detersiva, diuretica e astringente.
Per uso esterno le foglie fresche, applicate direttamente, venivano usate sin dai tempi antichi come cicatrizzante nel trattamento delle ferite e delle ulcere, per l’acne, eczemi e nelle dermatosi in genere, nelle infiammazioni del cavo orale, per le palpebre arrossate e per schiarire la pelle.

Bellis_perennis_white_(aka)
Per uso interno invece, i fiori hanno blanda proprietà lassativa, ma stimolano soprattutto la diuresi e la sudorazione, agendo come disintossicante.

In cucina possono essere utilizzate le foglie raccolte prima della fioritura, in insalata o per le zuppe, i capolini possono essere preparati sott’aceto.
Considerata a volte pianta infestante a causa del suo sviluppo tapezzante, è specie di grande ornamento per i tappeti erbosi.

Curiosità: I fiori della pratolina sopportano senza danno, temperature molto rigide, in condizioni di aria secca anche sino -15 gradi.
Nel linguaggio dei fiori evoca innocenza, grazia, bontà, ma dice anche “prendo tempo”, “ci penserò”, è il fiore di chi ama temporeggiare.
Nel medioevo le si attribuivano facoltà profetiche in amore, probabilmente da questo deriva il famoso “m’ama non m’ama”.

X
You don't have permission to register