Instagram Streaming
info@natwo.it +39.3471856724

Piccolo vademecum sull’uso dell’hennè!

Ultimamente ho letto parecchio a riguardo, ho finito l’utimo libro proprio questa notte e quindi ho deciso di condividere con voi i punti salienti di ciò che ho appreso <3

Dunque prima di tutto Che cos’è l’hennè ?

Il suo vero nome è lawsonia inermis, una pianta tintoria che viene utilizzata per creare suggestivi tatuaggi e per tingere i capelli. Le foglie di hennè sono raccolte, essiccate e polverizzate. Quando si mescola con un liquido leggermente acido, l’hennè “vira il suo colore” e tinge di rosso-arancione la pelle, i capelli e le unghie.

Il Lawsone è la molecola colorante, il pigmento, rosso-arancione, visibile nella vena centrale delle giovani foglie e responsabile delle proprietà di questa pianta. Le foglie di hennè contengono dall’1 al 5 % di lawsone, secondo le condizioni climatiche e del terreno.

I migliori in commercio contengono hennè puro al 100% e il pigmento deriva dalla sola pianta di hennè del miglior raccolto.
Le case produttrici che vantano una vasta gamma di sfumature, per ottenere le quali dichiarano di usare solo hennè puro 100%, magari proveniente da diversi paesi, o radici o corteccia o altre parti della pianta, in verità dicono solo amenità. L’hennè infatti contiene un solo tipo di molecola in grado di pigmentare, a prescindere dal paese di provenienza, quindi non esistono assolutamente piante di hennè “nero”, “rosso” o “neutro” e non ci sono parti della pianta che producono un pigmento “nero” piuttosto che “neutro”.

Cosa c’è nei comuni prodotti in commercio che dichiarano  in etichetta nuances varie?

Gli hennè per capelli commercializzati, disponibili in diversi colori come nero, bruno, castano, biondo e così via, sono i composti di hennè.
Solitamente parliamo di  hennè di scarsa qualità e aggiungono sali metallici, pigmenti e altri ingredienti come para-fenilendiamina, per creare questa gamma di colori! Queste aggiunte spesso non sono indicate, poiché le normative dei paesi di provenienza non prevedono l’obbligo di dichiarare il contenuto dei cosmetici e, una volta esportati, anche nei paesi destinatari viene mantenuto il non-obbligo di dichiarare gli additivi, cosicché questi hennè vengono poi spacciati per “hennè naturale”.

I prodotti contenenti sali metallici possono reagire disastrosamente con le tinture chimiche, danneggiando seriamente i capelli.
L’henne di buona qualità NON contiene metalli, piombo e NON si stratifica sui capelli.

Le molecole dell’hennè puro penetrano e si legano con la cheratina, rendendo i tuoi capelli spessi, forti e setosi!

Come si fa a capire se l’hennè che stiamo usando è pessimo e pieno di sali metallici tossici? Probabilmente NON c’è scritto nell’etichetta.

 

  1. Raccogli alcuni dei tuoi capelli dal pettine o dalla spazzola.
  2. Mescola 30 ml d’acqua ossigenata a 20 volumi e 20 gocce d’ammoniaca al 28%.
  3. Metti il ciuffetto di capelli in questa miscela.
  4. Se il composto contiene piombo, i capelli cambieranno immediatamente colore.
  5. Se c’è nitrato d’argento, i capelli non cambieranno colore perché l’argento li riveste, ma regala una sfumatura verdastra ai capelli, perciò lo potrai capire da questo.
  6. Se c’è rame, i capelli inizieranno a bollire, si scalderanno e inizieranno ad emanare una puzza tremenda, per poi disintegrarsi.

 

 

LEGGI IMMEDIATAMENTE:

<3 CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME DOSARE E ADOPERARE L’HENNE’ PER CURARE E COLORARE I TUOI CAPELLI <3

Come tingere i capelli castani con le erbe ?

Presto altre utilissime dritte per trattare i vostri capelli con altre erbe <3

X
You don't have permission to register